Mettersi in Proprio:

 


Industrializzazione e sviluppo economico del Mezzogiorno:


DISPOSIZIONI URGENTI PER LA RIPRESA DELLE

ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI

Legge del 29 marzo 1995, n. 95

 

 

(Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 1 aprile 1995, n. 77)

 

 

 

PREMESSE E GENERALITA’ SULLA LEGGE: La presente legge prevede Finanziamenti a Nuove Società o Cooperative costituite in maggioranza sia numerica che di capitali da giovani di età tra i 18 e i 29 anni (compiuti) o interamente da giovani tra i 18 e i 35 anni. I giovani devono essere residenti alla data del 1° gennaio 1994 nei territori di applicazione della legge (ridefiniti dal decreto legislativo n. 185/200). Negli stessi  territori devono avere sede legale, amministrativa e operativa le neo-società o cooperative.

 

 

TIPO DI INIZIATIVA PROMOSSA (Cosa si può fare con la Legge?): La Legge Finanzia la Costituzione/Avviamento di:

 

Imprese (Società o Cooperativa, anche Piccola Cooperativa, che, al momento della presentazione delle domande di Finanziamento non devono avere iniziato l’Attività, e che prevedano l’ampliamento della base Imprenditoriale, Produttiva e Occupazionale) per nuove Iniziative (cioè che non consistano in Ampliamenti, Ammodernamenti, Riconversioni, Ristrutturazioni di Iniziative Imprenditoriali preesistenti) nei seguenti SETTORI:

 

 

·        Produzione di Beni in Agricoltura, Artigianato e Industria;

 

·        Fornitura di Servizi alle Imprese (esclusi i Servizi alle Persone, e alle Pubbliche Amministrazioni).

 

N.B. Sono escluse le Ditte Individuali, Le Società di Fatto e le Società aventi un unico Socio. Tutte le altre forme Societarie (in Nome Collettivo; Semplici; In  Accomandita Semplice; In Accomandita per Azioni; A Responsabilità Limitata; Cooperative, anche Piccola Cooperativa 3-8 Soci max.) sono ammissibili. Inoltre, la Sede Legale, Amministrativa e Operativa della Società deve essere ubicata nei territori di Applicazione della Legge.

 

 

 

 

DESTINATARI DELLA LEGGE (Chi può fare Domanda?): Giovani (che in accordo vogliono costituire e avviare una Nuova Impresa) aventi i seguenti Requisiti:

 

·        Età compresa tra i 18 e i 29 anni alla data di presentazione della Domanda di Finanziamento (tali giovani devono costituire la Maggioranza Numerica e di Capitali della Società);

·        Età compresa tra i 18 e i 35 anni alla data di presentazione della Domanda di Finanziamento (tali giovani devono costituire la Maggioranza Assoluta, sia Finanziaria che Numerica della Società);

·        Residenza (il 1° Gennaio 1994) nei Territori di Applicazione della Legge.

 

N.B. La maggioranza Assoluta richiesta deve essere sia Finanziaria (i giovani cioè devono possedere la Maggioranza delle Quote/Azioni del Capitale della Società) che Numerica (i giovani devono costituire la maggioranza dei Soci, comprendendo nel Calcolo sia le Persone Fisiche che quelle Giuridiche).

 

 

 

 

 

INCENTIVI PREVISTI (Cosa offre la Legge?): Le Agevolazioni Pubbliche per la Costituzione di Nuove Imprese (Società o Cooperativa) a Carattere Innovativo consistono in:

 

·        Contribuiti a Fondo Perduto e Mutui Agevolati per Spese di INVESTIMENTO ritenute Ammissibili (cioè: Spese per lo Studio di Fattibilità; Terreno e Opere Edilizie; Allacciamenti; Macchinari, Impianti e Attrezzature nuovi di Fabbrica; altri Beni Materiali e Immateriali che servano per diversi anni al Ciclo Produttivo e all’esercizio dell’Impresa);

 

N.B. L’IVA è interamente a carico della Società e non sono spese ammissibili quelle sostenute prima della data di presentazione della domanda di ammissione alle Agevolazioni.

 

 

·        Contribuiti a Fondo Perduto per le Spese di GESTIONE Ammissibili (cioè: spese per Materie Prime, Semilavorati e Prodotti Finiti; spese per Servizi ricevuti concernenti l’attività del Progetto; Oneri Finanziari; Canoni di Locazione; Canoni di Leasing);

 

N.B. L’IVA è interamente a carico delle Società. Inoltre, le spese di Gestione sono ammissibili al Contributo solo se sostenute DOPO la data di inizio dell’attività. A partire dalla dichiarazione formale di inizio attività vengono conteggiati 24 Mesi consecutivi, riconosciuti come periodo valido per il rimborso delle Spese di Gestione Sostenute e con la prima fattura dalla Dichiarazione può essere richiesto un anticipo pari al 40% del Contributo per tali spese relative al 1° anno di attività, mentre per ottenere il restante 60% dovrà essere presentata la Rendicontazione completa finale delle Spese. Lo stesso meccanismo di anticipo si applica anche al 2° anno.

 

 

·        Servizi Gratuiti di Assistenza Tecnica (Tutoraggio) e di Formazione Imprenditoriale.

 

N.B. Le Agevolazioni possono raggiungere un massimo di 5 Miliardi delle vecchie lire (2,5 milioni di euro). Inoltre, le Agevolazioni/Finanziamenti non sono più determinati in percentuale a priori nel loro valore, nel senso che ogni nuova Impresa costituisce un caso a sé e di volta in volta l’ammontare ottimale delle Agevolazioni viene definito in funzione di una serie di elementi specifici del Progetto (Ad es. la localizzazione, il Settore, la forma Societaria, ecc.). Comunque i Massimali di Aiuto Pubblico ammissibili per le spese di Investimento anno dal 65% all’ 80% (di cui dal 15% al 20% circa in Conto Capitale e dal 50% al 60% circa con mutuo agevolato) mentre i massimali di Finanziamento Pubblico per le Spese di Gestione corrispondono complessivamente a circa 193 Milioni (100.000 Euro).

 

 

 

 

 

ELENCO DEI DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA: Alla domanda (in Fac-Simile) bisogna allegare i seguenti documenti:

 

a.       2 Certificazioni di Vigenza;

 

b.      2 Certificanti comprovanti che la Sede Legale, Amministrativa e Operativa della Società è ubicata nei territori di applicazione della Legge (tale documento può essere redatto anche sotto forma di autocertificazione firmata dal Legale Rappresentante della Società, sostenuta dal certificato rilasciato dalla Locale Camera di Commercio);

 

c.       2 Certificazioni o Dichiarazioni giurate comprovanti che Compagine Sociale è costituita: in maggioranza Assoluta, sia numericamente che in termini di partecipazione Finanziaria, da soci di Età compresa tra i 18 e i 29 anni di età residenti il 1° Gennaio 1994 nei territori di applicazione della Legge, oppure, esclusivamente da soci di età compresa tra i 18 e i 35 anni di età residenti il 1° Gennaio 1994 nei territori di applicazione della Legge, comunque da persone fisiche non titolari di quote azioni di altre società o cooperative beneficiarie delle Agevolazioni della medesima legge;

 

d.      Studio di Fattibilità o Progetto d’Impresa, in duplice Copia, firmato dal Legale Rappresentante della Società;

 

e.       Curriculum Personale dei Soci;

 

f.         2 Copie Conformi dell’Atto Costitutivo (o Atto Notarile che ne provi l’esistenza) e dello Statuto Società o della Cooperativa.

 

N.B. Lo studio di Fattibilità (o Piano d’Impresa), è una Relazione che serve a spiegare  che l’iniziativa proposta è fattibile e può costituire un buon investimento (“Appetibilità”del Progetto). Pertanto deve essere un documento tecnico Chiaro e Sintetico, basato su analisi precise e su dati concreti e attendibili. Come traccia per redigere tale relazione si può far riferimento schematicamente alle seguenti voci: La Presentazione del Progetto (L’idea Imprenditoriale e la Compagine Sociale); l’Analisi del Mercato (Ambiente esterno; la Domanda; La Concorrenza; La Struttura Distributiva; I Fornitori); Le Scelte Strategiche (Il Posizionamento Strategico; l’Individuazione del Vantaggio Competitivo; gli Obiettivi di Vendita); Le Scelte Operative (Le scelte di Marketing; le Scelte produttive; Le Scelte Organizzative; Le Scelte di Finanziamento); Il Piano Economico-Finanziario (Le Previsioni e i prospetti economico-finanziari, in funzione delle agevolazioni richieste; La verifica della redditività).

 

 

 

 

 

 

I TERRITORI DI APPLICAZIONE DELLA LEGGE: I territori di applicazione della Legge, dove i giovani devono avere la residenza e le Società la loro sede, sono quelli individuati dalla Commissione Europea come ammissibili ai Fondi Strutturali e Obiettivi 1, 2 (Regione Abruzzo), 5b, nonché le aree ammesse alla deroga di cui all’art. 92.3.c del “Trattato di Roma”. Recentemente i territori di Applicazione della Legge sono stati ridefiniti con il Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 (modifiche ai Territori di Applicazione della Legge). In Abruzzo i Comuni interessati dalla Legge sono (suddivisi per Province):

 

·        L’AQUILA (108 Comuni);

·        CHIETI (104 Comuni);

·        PESCARA (46 Comuni);

·        TERAMO (47 Comuni).

 

 

 

A CHI RIVOLGERSI: Per saperne di più ed accedere alle Agevolazioni previste bisogna contattare la Società “Sviluppo Italia”, che ha sedi anche Regionali (compresa l’Abruzzo). Gli indirizzi sono i seguenti:

 

·        Sviluppo Italia Spa, Via Calabria, 46, 00187 Roma. E-mail: info@sviluppoitalia.it. Call Center: 848.886886. Sito Internet: www.sviluppoitalia.it.

·        Sviluppo Italia, L’Aquila (sede legale), via Cardinale Mazzarino, 100, 67100 L'Aquila. Tel: 0862/48581. Fax: 0862/4858222. E-mail: info@sviluppoitaliaabruzzo.it. Sito Internet: www.sviluppoitalia.it.

·        Mosciano S.Angelo (incubatore), Z.I. Mosciano Stazione Strada Provinciale, 22, 64023 Mosciano S.Angelo (TE). Tel : 085/80741. Fax: 085/8074306. E-mail: info@sviluppoitaliaabruzzo.it.

·        Sulmona (incubatore), Z.I. S.S.17 Km 95,500, 67039 Sulmona (AQ). Tel: 0864/25081. Fax: 0864/2508280. E-mail: info@sviluppoitaliaabruzzo.it.

·        Avezzano (incubatore), viale Newton c/o nucleo industriale di Avezzano (AQ), 67051 Avezzano (AQ). Tel: 0863/45091. Fax: 0863/4509218-219. E-mail: info@sviluppoitaliaabruzzo.it

 

 

 

RIFERIMENTI LEGISLATIVI PRINCIPALI

 

 

·         Legge Nazionale n. 95 del 29 Marzo 1995, in G.U. n. 98 del 28/04/1995 (Conversione in Legge, con modificazioni, del Decreto-Legge 31 Gennaio 1995, n. 26, recante disposizioni urgenti per la ripresa delle attività imprenditoriali);

 

·         Decreto del Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica n. 306 del 18 Febbraio 1998, in G.U. n.197 del 25/08/98 (Regolamento recante norme per la concessione di agevolazioni Finanziarie all’Imprenditoria Giovanile).

·        Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 (modifiche ai Territori di Applicazione della Legge).