www.laretexlavorare.com:

 

I Titoli/Certificati rilasciati dal Sistema Educativo Italiano:

I CERTIFICATI DEL SISTEMA INTEGRATO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE

 

 

 

 

 

PREMESSE E GENERALITA’ SUL SISTEMA EDUCATIVO IN ITALIA

Attualmente, il Sistema Educativo Italiano in corso di Riforma da parte della Legge “Moratti” n. 53 del 28 marzo 2003 (e suoi successivi decreti legislativi e regolamenti attuativi) si divide in 2 Settori/Sistemi:

 

1. il Settore “dell'ISTRUZIONE SCOLASTICA”, che fa capo al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e che comprende al suo interno:

·         l'Istruzione GENERALE Comune, rappresentata dallaScuola dell'Infanzia” (non obbligatoria), dalla “Scuola Primaria” (ex elementari) e dalla “Scuola Secondaria di Primo Grado” (ex medie inferiori);

·         l'Istruzione TERZIARIA Universitaria, articolata in: Laurea (Triennale, attualmente chiamata laurea di I° livello), laurea Magistrale (Quinquiennale, attualmente chiamata laurea Specialistica di II° livello), Master (o Corsi di perfezionamento ed alta formazione di I° e II° livello), Scuola di Specializzazione, Dottorato di Ricerca.

 

2. il Settore della “FORMAZIONE PROFESSIONALE e CONTINUA”, di competenza delle Regioni, che si articola in:

 

·         Formazione Professionale Iniziale, rivolta ai giovani in uscita dall’Istruzione generale comune;

·         Formazione Professionale Superiore (formazione post-secondaria o di II° livello) rivolta ai giovani in uscita dall’Istruzione Secondaria Superiore o Terziaria/Universitaria;

·         Formazione Professionale Continua (rivolta anche ai lavoratori).

 

N.B. Con la legge di riforma “Moratti” n. 53 del 2003 il nuovo Sistema dell’ISTRUZIONE SCOLASTICA E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE previsto per l’anno scolastico 2006-2007 nell’ambito del “Secondo Ciclo” (le attuali scuole superiori) sarà rappresentato principalmente da Corsi/Percorsi di Formazione ed Istruzione dai quali si conseguono Titoli e Qualifiche professionali di differente livello, valevoli su tutto il territorio Nazionale (purchè  assicurino a tutti il nuovo Diritto-Dovere all’Istruzione e alla Formazione per almeno 12 anni o, comunque, sino al conseguimento di una Qualifica entro il 18° anno di Età). Infatti,  dal compimento del  15° anno di età i Diplomi e le Qualifiche si possono conseguire in alternanza “Scuola-Lavoro” (cioè alternando Periodi di Studio con periodi di tirocinio in azienda) o attraverso il contratto di Apprendistato. Inoltre, è assicurata e assistita la possibilità di cambiare indirizzo all’interno del sistema dei LICEI, nonché di passare dal sistema dei Licei al sistema dell’Istruzione e della Formazione Professionale, e viceversa, mediante apposite iniziative didattiche con lo strumento dei Crediti Formativi riconosciuti e delle esperienze formativo-lavorative certificate.

 

 

 

 

 

 

 

TIPOLOGIE DI CERTIFICATI/TITOLI

RILASCIATI NELL’AMBITO DEL SISTEMA EDUCATIVO

 

Le principali Tipologie di Certificati/Titoli rilasciati attualmente nell’ambito del “Sistema Educativo di Istruzione Scolastica e di Formazione Professionale” sono:

 

·      Certificati Nazionali dell’Istruzione Scolastica (come il Diploma di Istruzione Tecnica, di Istruzione Artistica, di Istruzione Professionale, ecc.);

·      Certificati della Formazione Professionale (come: Attestati di Qualifica o di Frequenza);

·      CERTIFICATI DEL SISTEMA INTEGRATO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE (I.F.T.S.).

 

 

 

 

 

 

I CERTIFICATI E PERCORSI DEL SISTEMA INTEGRATO DI ISTRUZIONE  E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE (I.F.T.S.)

 

 

IL SISTEMA FORMATIVO INTEGRATO - F.I.S. (Generalità e Caratteristiche): Con l'Accordo per il lavoro nel 1996 (e con il Patto sociale per lo sviluppo e l'occupazione del 1999) il Governo e le Parti sociali hanno assunto l'impegno di creare un “Sistema Formativo Integrato” (F.I.S.).

Il “Sistema Formativo Integrato” si concretizza in un'offerta integrata tra Istruzione (scuola), Formazione Professionale (corsi di formazione) e Lavoro che Giovani e Adulti possono scegliere sulla base di un proprio Percorso Individuale, coerente con i bisogni di sviluppo propri e del contesto economico.

Il “Sistema della Formazione Integrata  Superiore” (F.I.S.) è stato progettato con lo scopo di creare un'offerta formativa post-Diploma che rafforzi il rapporto tra: formazione professionale regionale e privata, istruzione scolastica post-diploma e diplomi universitari da un lato, e le esigenze del mercato del lavoro dall'altro. 

Esso, è finalizzato alla formazione di figure di tecnici e di professionisti qualificati in settori industriali e di servizio ad alta complessità tecnologica, attraverso l'integrazione tra formazione Teorica e Pratica, quest'ultima svolta con l'attività di TIROCINIO assistito dalla presenza di Tutor.

Per garantire i Passaggi tra i diversi livelli formativi è prevista la definizione di un sistema di Crediti Formativi realizzato in collaborazione con le imprese e condiviso dalla Scuola, dagli Enti di Formazione e dall'Università.

N.B. La F.I.S. si sviluppa nelle singole Regioni attraverso “Accordi di Progetto” finalizzati ad integrare realtà territoriali diverse (Scuole medie superiori, Università, Centri e Agenzie di formazione professionale, Università, Imprese) grazie a risorse comunitarie, nazionali e locali, sia pubbliche che private.

 

 

 

 

 

 

IL SISTEMA E I CORSI DI “ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE” - I.F.T.S.

(Generalità e Caratteristiche)

 

All'interno del “Sistema Formativo Integrato” - F.I.S., l'innovazione maggiore è rappresentata da un canale chiamato I.F.T.S., “Istruzione e Formazione Tecnica Superiore”.

 

Il Sistema (e i Corsi) di “Istruzione e Formazione Tecnica Superiore” (I.F.T.S.), sono stati istituiti con l’articolo 69 della Legge n. 144 del 1999 ed attuati a norma del Decreto Interministeriale n. 436 del 31 ottobre 2000, allo scopo di Riqualificare e Ampliare l'offerta formativa destinata ai giovani e agli adulti, occupati e non occupati.

 

Si tratta di Percorsi/Corsi Formativi post-secondari (o Post-Diploma), non Universitari, che hanno l'obiettivo di creare figure professionali che rispondano alla reale domanda del mondo del lavoro sia pubblico sia privato.

 

I Corsi I.F.T.S. sono REALIZZATI, su indicazione delle Regioni, da almeno 4 Soggetti Formativi (Imprese, Centri/Agenzie di Formazione Professionale accreditati, Enti Locali, Scuole e Università) presenti sul territorio di competenza. 

 

 

Le Regioni programmano, di concerto con le istituzioni e le parti sociali, l'istituzione stessa dei corsi dell'IFTS. La Programmazione Regionale viene effettuata sulla base di profili professionali che rappresentano l'articolazione a livello territoriale delle figure di riferimento Nazionali previste.

 

 

Le Regioni possono anche promuovere “PROGETTI PILOTA” riguardo a figure professionali non previste a livello Nazionale, ma corrispondenti a documentati fabbisogni dei mercati territoriali del lavoro. 

 

 

L'OBIETTIVO è, infatti, quello di creare figure professionali che rispondano alla reale domanda del contesto produttivo territoriale, con particolare attenzione ai settori interessati da innovazioni tecnologiche.

 

 

 

 

 

DESTINATARI E DURATA DEI CORSI I.F.T.S.

 

I Destinatari dei corsi I.F.T.S. sono disoccupati (ma anche occupati) senza limiti d'età, in possesso del  diploma di scuola superiore, o, in alternativa devono avere assolto l'obbligo scolastico, e ottenere un accreditamento delle competenze acquisite in precedenti percorsi di istruzione, formazione e lavoro

Per quanto riguarda la DURATA, i corsi I.F.T.S. hanno la durata Minima di due Semestri (1200 ore) e Massima di quattro (2400 ore), di cui il 30% in stage formativi aziendali (Standard di Percorso).

I Corsi I.F.T.S. sono pubblicati attraverso BANDI, sulla base di profili professionali che rappresentano l'articolazione a livello territoriale delle figure di riferimento professionali previste a livello Nazionale.

 

N.B. E’ prevista la Certificazione, ovvero, ogni esperienza formativa sarà certificata in Crediti Formativi, che potranno essere utilizzati nell'ambito di un percorso ulteriore di formazione (anche universitaria) o di lavoro, e saranno validi su tutto il territorio Nazionale. Pertanto, la Certificazione rilasciata in esito ai corsi IFTS, che attesta le competenze acquisite è valida in ambito Nazionale.  I percorsi I.F.T.S. permettono, infine, di conseguire crediti formativi universitari.

 

 

 

 

 

 

TIPOLOGIE/MODALITA’ DI CERTIFICAZIONE NELL’AMBITO DEL SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE SUPERIORE (I.F.T.S.)

 

 

Nell'ambito del Sistema di Istruzione  e Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S.) sono previste 2 Modalità/Tipi di Certificazione rilasciati dalle Regioni: 1) il “Certificato Finale di Specializzazione Tecnica Superiore”; 2) la “Dichiarazione di Percorso”. Inoltre, è prevista, all’interno dei Corsi I.F.T.S., una “Procedura di Accreditamento delle Competenze” già acquisite in precedenza.

 

 

Più da vicino:

 

 

1) il “CERTIFICATO FINALE DI SPECIALIZZAZIONE TECNICA SUPERIORE”: Il “Certificato di Specializzazione Tecnica Superiore”, valido su tutto il territorio Nazionale, viene rilasciato dalla Regione a conclusione di un percorso I.F.T.S. e dopo il superamento delle prove finali di verifica.

 

Il “Certificato di specializzazione tecnica superiore” specifica le caratteristiche del corso di formazione e certifica il conseguimento del titolo di tecnico superiore e il raggiungimento di tutte le competenze previste in esito al percorso in linea con gli standard relativi alle trentasette figure professionali di riferimento previste e con gli standard delle competenze di base, trasversali e tecnico-professionali definiti a livello nazionale.

 

Insieme al “Certificato di Specializzazione Tecnica Superiore”, le Regioni possono rilasciare un Attestato di Qualifica Professionale di secondo livello valido ai fini dell'iscrizione al Centro per l'Impiego.

 

Il “Certificato di Specializzazione Tecnica Superiore”  può costituire Credito Formativo per l'accesso ad altre filiere della formazione anche in ambito comunitario e consente il riconoscimento delle competenze acquisite come Crediti Formativi da parte dell'Università (C.F.U.). Le modalità di riconoscimento dei crediti variano in relazione agli accordi definiti a livello locale.

 



2) la “DICHIARAZIONE DI PERCORSO”. Viene rilasciata, di norma, nei casi di uscita anticipata o di fruizione parziale del “Corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore”.  La “Dichiarazione di Percorso”, indica le competenze acquisite in relazione ai segmenti formativi effettivamente frequentati (le cosiddette “Unità Capitalizzabili”).

 

In altre parole, la “Dichiarazione di percorso” certifica il conseguimento delle competenze previste in esito ai segmenti formativi effettivamente frequentati.

 

La “Dichiarazione di Percorso” può costituire credito formativo per l'accesso ad altre filiere della formazione (anche in ambito comunitario) e consente il riconoscimento delle competenze acquisite come Crediti Formativi da parte dell'Università (C.F.U.). Le modalità di riconoscimento dei crediti formativi variano in relazione agli accordi definiti a livello locale.

 

 

 

 

 

 

 


LA PROCEDURA DI ACCREDITAMENTO DELLE COMPETENZE GIA’ ACQUISITE ALL’INTERNO DEI CORSI I.F.T.S.

 

La procedura di “Accreditamento delle Competenze” per il riconoscimento di crediti formativi  in ingresso ai percorsi I.F.T.S. consente di accertare il possesso di competenze corrispondenti a parti del percorso (le cosiddette “Unità Capitalizzabili”) riconoscibili come crediti formativi.

 

Il percorso di accreditamento viene attivato a seguito della richiesta del candidato ammesso alla frequenza del corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S.), al termine della fase di selezione.

 

 

Il Riconoscimento dei Crediti Formativi si realizza ed opera sia:

 

·         all'Interno dei percorsi IFTS stessi, allo scopo di abbreviarne la fruizione e facilitare gli eventuali passaggi ad altri percorsi IFTS";

 

·         all'Esterno dei percorsi IFTS stessi, al fine di facilitare il riconoscimento totale o parziale delle competenze acquisite da parte del mondo del lavoro, delle università e di altri sistemi formativi.

 

 

 

 

 

RIFERIMENTI LEGISLATIVI PRINCIPALI

 

·         Decreto del Ministero del lavoro n. 174 del 31 maggio 2001 sulla Certificazione delle Competenze;

·         Decreto Interministeriale 31 ottobre 2000, n. 436: “Regolamento recante norme di attuazione dell'articolo 69 della legge 17 maggio 1999, n. 144, concernente l'istruzione e la formazione tecnica superiore - IFTS” (in G.U. del 5 febbraio 2001, n. 29);

·         Legge n. 144/99 (Articoli 68 e 69): “Introduzione Obbligo Formativo e istituzione del sistema della Istruzione e Formazione Tecnica Superiore – I.F.T.S.”;

·        Decreto del Ministero del lavoro del 12 marzo 1996: “Attestato Unico di Qualifica”.