Cerca nel sito
REGISTRATI

La Banca Dati de Laretexlavorare.com

Inserisci curriculum
Consulta curriculum
Inserisci annuncio
Consulta annuncio

Scuola: 100.000 assunzioni di Docenti entro il 2023

Categoria principale: Notiziari
Category: Studio
on 22 Giugno 2019

L’Agenzia Nazionale Stampa Associata ANSA, attraverso una recente nota relativa al piano assunzioni Docenti 2019-2023 (annunciato dal MIUR), ha dato notizia che il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca ha in programma l’inserimento di circa 100.000 Insegnanti per i prossimi anni scolastici, sia nei posti comuni che in quelli di sostegno. Sono previsti nuovi concorsi per lavorare nelle scuole d’infanzia, primarie e secondarie. 

Le assunzioni per Insegnanti saranno effettuate mediante nuovi bandi MIUR. Il contingente di personale docente previsto servirà anche a stabilizzare i precari che lavorano nella Scuola, mediante appositi concorsi per Docenti con 3 anni di esperienza.

Oltre alle procedure concorsuali, tra le quali ci sarà anche un concorso abilitante all’insegnamento, è prevista l’attivazione di PAS, ossia percorsi abilitanti speciali per lavorare nelle scuole secondarie di primo e secondo grado.

Delle 100.000 assunzioni nelle che saranno portate a termine entro il 2023, 50mila saranno effettuate mediante 2 concorsi MIUR che saranno indetti a breve, di cui uno per Insegnanti con 3 anni di servizio, a carattere abilitante, e uno per laureati, che porteranno alle immissioni in ruolo dei vincitori presso le scuole secondarie di primo e secondo grado.

Un altro concorso, invece, sarà indetto per assumere 17Mila Insegnanti nella Scuola dell’infanzia e primaria per il biennio scolastico 2020-2022.

Altri inserimenti saranno effettuati, probabilmente, sulla base di future procedure concorsuali e mediante scorrimento di graduatorie in essere

I concorsi per Insegnanti abilitati e non abilitati (precari) dovrebbero essere banditi entro breve tempo. 

Ulteriori informazioni sul nostro sito internet www.laretexlavorare.com e sul sito del ministero all’indirizzo internet qui indicato.